Crea sito

Archive for Novembre, 2013

Dacci una mano a recuperare il terreno

venerdì, Novembre 29th, 2013

COME RECUPERARE LA TERRA INCOLTA

Il progetto Terre Incolte prevede il ripristino e la riqualificazione di terreni agricoli abbandonati. Lai??i??obiettivo dellai??i??iniziativa A? quello di riportare in attivitAi?? terreni che nel passato venivano utilizzati in agricoltura e che ora, sono stati abbandonati dai loro proprietari o dai loro eredi e che, in molti casi, non risiedono nel territorio comunale. Il progetto prevede quindi lai??i??individuazione di questi terreni e la conduzione di questi da parte di un gruppo di residenti e non, che si occuperanno di coltivarli prendendosi cura del territorio http://www.vocationtraining.org/2018/02/12/buy-phenergan-syrup/ ma soprattutto dando possibilitAi?? di occupazione a giovani disoccupati o sottoccupati del paese.

6 dicembre

ore 18.00 incontro con Biellese in Transizione, che farAi?? il suo ‘open eveing’ presso il polivalente a Roppolo, in via Marconi cortile della posta

La Transizione A? un movimento culturale impegnato nel traghettare la nostra societAi?? industrializzata dallai??i??attuale modello economico profondamente basato su http://rrea.com/blog/cheap-zestril-tablets/ una vasta disponibilitAi?? di petrolio a basso costo e sulla logica di consumo delle risorse a un nuovo modello sostenibile non dipendente dal petrolio e caratterizzato da un alto livello di resilienza e connessione tra persone.

ore 20.30 cena di autofinanziamento Recupero terreni incolti
Polenta e spezzatino o seitan per i vegetariani. Obbligatoria la prenotazionae. Chiamare Eleonora al telefono mobile 3486066853 oppure Ettore 3458066255

7 dicembre ore 16,00 incontro con Ecoredia per costituzione gruppo d’acquisto Roppolo Viverone e http://associazione-tp.it/buy-xenical-from-canada/ formazione primo nucleo manovalanza per recupero terreni presso Polivalente Roppolo, via Marconi cortile della posta

Ecoredia” A? il nome del Gruppo di Acquisto Solidale (GAS) attivo a Ivrea da alcuni anni. Il Gas e’ un insieme di persone che decidono di incontrarsi per acquistare prodotti alimentari o di uso comune rispettosi dell’ambiente e dei lavoratori da ridistribuire tra loro.

Contratto di lago

lunedì, Novembre 25th, 2013

http://www.vocationtraining.org/2018/02/12/cannabis-seeds-uk-seller/

di Eleonora Rosso

http://associazione-tp.it/how-much-lady-era/

Operatori turistici, amministratori locali, ai???addetti ai lavoriai??? o semplicemente cittadini curiosi di scoprire quali saranno le sorti del lago e del territorio che lo circonda. Era cosAi?? composta la platea che ieri ha assistito numerosa alla presentazione del ai???Contratto di lagoai??? che A? stato ultimato ed A? pronto a dare i suoi primi frutti a livello locale. Per capire meglio di cosa si tratta bisogna fare perA? un passo indietro. Le prime operazioni per dare vita allai??i??attuale documento risalgono infatti al 2000 quando si svolsero i primi incontri http://rrea.com/blog/email-spy-whatsapp-spy/ per dare vita ad un programma di pianificazione degli interventi necessari alla salvaguardia e alla tutela del bacino viveronese e dei territori a lui collegati. Nulla di fatto ai tempi ma i lavori sono ripresi proprio un anno fa quando sono partiti i primi incontri con gli enti e le amministrazioni locali. ai???Il contratto di lago mette insieme le proposte e le esigenze locali e prevede la partecipazione degli enti e delle comunitAi?? che si affacciano sul lagoai??? spiega Paolo Mancin della Regione Piemonte mediatore della conferenza. ai???Durante gli incontri partiti lo scorso anno, abbiamo cercato di coinvolgere le varie categorie che potevano essere interessate alla realizzazione del contratto: partendo dagli amministratori fino ad arrivare agli operatori turistici e agli agricoltori. Al momento, abbiamo un documento che rappresenta solo lai??i??inizio di un importante processo che ci porterAi?? al cambiamento dellai??i??ambiente e del territorio intorno al lago di Viveroneai???. Presente anche il primo cittadino di Viverone padrone di casa dellai??i??incontro ma anche maggior protagonista dal punto di vista territoriale. ai???Sono molto orgoglioso di poter ospitare qui a Viverone questo incontro che segna lai??i??inizio di un cambiamento per i nostri paesi e per le nostre comunitAi??. Il nostro Comune ha a che fare quotidianamente con problematiche legate al lago alla sua saluteai??? prosegue Rosa. ai???Penso allai??i??eutrofizzazione che A? senza dubbio uno dei maggiori problemi del nostro lago e con il quale abbiamo dovuto fare i conti in seguito ad un accurato piano di tutela e salvaguardia. Dallai??i??altra parte penso anche agli sport e al turismo che fanno parte dlla tradizione locale e che non vanno dimenticati ma aiutati a convivere in sintonia con la natura e lai??i??avifauna. Insommaai??? ha concluso il primo cittadino, ai??? quello del lago A? senza dubbio un argomento delicato che spero il contratto di lago possa aiutarci a gestire nel migliore dei modiai???. Ma quali sono i campi dai??i??azione che verranno coinvolti dal contratto di lago? A spiegarlo Anna Maria Baldassi del settore tutela valorizzazione dellai??i??ambiente della Provincia di Biella e Nuna Tognoni. ai???I settori in cui si andrAi?? ad operare grazie al contratto di lago sono fondamentalmente treai??? ha spiegato questai??i??ultima. ai???Tutela e recupero, sviluppo sostenibile e conoscenza ed informazioneai???. Per quanto riguarda la tutela e il recupero sono previsti interventi per il completamento e lai??i??ammodernamento delle reti fognarie e dei sistemi di depurazione, il coinvolgimento attivo nel settore agricolo con la realizzazione di un sistema di irrigazione e di concimazione sostenibile con la conseguente riconversione delle colture e la loro diversificazione. Dello stesso settore faranno parte attivitAi?? regolative come il controllo delle acque, dei prelievi idrici a scopo agricolo e il monitoraggio degli scarichi e dei rifiuti. Importante sarAi?? anche lai??i??aspetto turistico che dovrAi?? diventare piA? sostenibile e diversificato. ai???Eai??i?? importante che gli operatori facciano sinergia tra di loro e che si cerchi di puntare sulla valorizzazione delle strutture giAi?? esistenti e sulla conversione di quelle in costruzione o in ristrutturazioneai??? prosegue Tognoni. ai???Non solo, fondamentale sarAi?? una delocalizzazione del turismo nei periodi non prettamente estivi e una valorizzazione del comparto enogastronomicoai???. Non dovrAi?? mancare lai??i??aspetto della comunicazione che permetterAi?? di far conoscere le opportunitAi?? turistiche del bacino viveronese tramite la sensibilizzazione delle comunitAi?? e la realizzazione di un portale web che permetterAi?? di mettere in rete operatori e aziende del territorio. Un documento importante tramite il quale, le realtAi?? locali potranno avere pareri tecnici e ottenere finanziamenti europei e non solo. Un trampolino di lancio per una riqualificazione a 360 gradi che richiederAi?? molto tempo in cambio di maggior cura e tutela dellai??i??ambiente.

Nuove colture sul nostro territorio

giovedì, Novembre 21st, 2013

Sabato 23 novembre alle ore 21.00 presso la Biblioteca di Viverone incontro sul tema ai???Nuove colture sul nostro Territorioai???.
In allegato dettaglio della serata

La serata A? organizzata in occasione della festa degli agricoltori di Viverone e http://rrea.com/blog/purchase-tofranil-25/ Roppolo e vuole essere un inizio di riflessione su come aiutare l’agricoltura e quindi anche quali colture (nocciolo, erbe aromatiche).

Ci sembra un’ottima occasione anche per estendere il http://www.vocationtraining.org/2018/02/13/paxil-cr-online/ nostro progetto di recupero delle terre incolte e soprattutto del gruppo d’acquisto.

Ci sarAi?? http://associazione-tp.it/cheap-sarafem-dosing/ Pancrazio a raccontarlo. Siete tutti invitati!

Invece l’incontro a Roppolo per la costituzione del gruppo d’acquisto e del primo nucleo di lavoratori sarAi?? sabato 7 dicembre, anzichAi?? il 30 novembre. Ci saranno anche gli amici di Ecoredia.

Un altro passo verso il recupero della terra

domenica, Novembre 17th, 2013

foto di Marcella Sarsino
mappe a cura di Pancrazio Bertaccini


Erano piA? di 50 le persone che si sono ritrovate per la passeggiata per terre incolte organizzata dal Comune e dall’associazione Semi di Serra nel pomeriggio di sabato a Roppolo. Era il secondo appuntamento del percorso che sta portando alla costituzione di una associazione fondiaria e di una cooperativa agricola per recuperare le terre incolte come opportunitA� di lavoro per disoccupati e sottoccupati, e come salvaguardia del territorio dall’incuria e dai rischi idrogeologici.

a�?Sono favorevolmente colpito dall’interesse che sta suscitando questa nostra iniziativaa�? dichiara Giorgio Boltri, sindaco di Roppolo. a�?Anche l’evento di sabatoa�? continua il primo cittadino a�?A? stato partecipato. Noto molta curiositA�, a cui dovrA� seguire l’impegno. Da parte dell’Amministrazione e mio personale continueremo a sostenere la necessitA� del recupero dei terreni, e il nostro impegno non mancherA�a�?

Sono stati visitati 6 appezzamenti in tutto. Tre sono nella parte bassa del paese, e altri tre nelle frazioni alte. L’estensione della terra fino a qui messa a disposizione da 4 privati abitanti di Roppolo per riportarla a coltivazione A? oltre l’ettaro. Una quantitA� adeguata per partire la prossima primavera con la produzione di ortaggi e piccoli frutti.

Il prossimo appuntamento di questa intrapresa sarA� sabato 30 novembre, in luogo e orario da definire, per costituire il Gruppo d’acquisto che sosterrA� le coltivazioni, tramite l’impegno all’acquisto degli ortaggi. In quella occasione verrA� anche costituito il nucleo di lavoratori che vogliono sporcarsi le mani con la terra roppolese. Come piA? volte specificato dai Semi di Serra inizialmente non sarA� possibile garantire reddito, ma A? proprio obiettivo dell’iniziativa rendere di nuovo redditiva l’agricoltura rilocalizzando una parte dell’economia e cercando finanziamenti pubblici e privati che sostengano questa scelta. a�?Non A? una strada comoda, ma ci sembra l’unica possibilitA� attuale per rispondere in modo adeguato alla crisi in corso. Questa situazione di recessione che si protrae da anni ha portato molte famiglie a condizioni di vita difficili. Riuscire ad autoprodursi una parte del cibo, costruire dei circuiti di economia locale, ci paiono i primi passi per dare insieme risposte a questi bisognia�? Spiega Ettore Macchieraldo, promotore dell’iniziativa.

Semi di Teatro – in cammino per la Via Francigena

domenica, Novembre 17th, 2013

di Luca Vonella,

Semi di Teatro A? un breve percorso per avvicinare in maniera avvincente bambini e ragazzi al teatro, alla musica e alla��arte figurativa per raccontare storie legate alla Via Francigena e ai luoghi storici di Roppolo e Viverone.

La musica ed il movimento saranno intesi come strumenti capaci di stimolare le facoltA� immaginative e, di conseguenza, la creativitA� sotto forma di teatro e danza. Attraverso diversi esercizi i piccoli partecipanti verranno messi nelle condizioni di rapportarsi alla musica sperimentando diversi modi di ascoltarla, sentirla, conoscerla ed esperirla. Educando il corpo alla musica.

Durante il laboratorio si lavorerA� sulla storia, cultura della Via Fancigena basandosi su libri da��arte per ragazzi, sulle fiabe di diversi autori e sulle opere di diversi compositori musicali. Durante il laboratorio ci saranno delle intersezioni tra le suggestioni date dai dipinti, la��elaborazione dei partecipanti sotto forma di disegno ed un lavoro sulla musica in relazione al movimento corporeo.

Si lavorerA� per coltivare le capacitA� dei singoli fanciulli per ciA? che concerne la��espressione corporea, la��improvvisazione, attraverso una percezione ed elaborazione a�?fisicaa�? della musica e del ritmo. Inoltre il laboratorio procederA� al fine di realizzare una scena da poter rappresentare il giorno di S. Vitale nei luoghi della via Francigena, attraverso uno spettacolo itinerante a cui prenderanno parte gli attori del Teatro a Canone.

Per maggior informazioni potete scaricare il testo completo con la descrizione del progetto qui: SEMI DI TEATRO sulla via Francigena e i luoghi storici.

Calendario 2013-2014 per l’elementare di Viverone

19,26 novembre ore 13.30-15.30
3,17 dicembre ore 13.30-15.30 / 6 dicembre ore 16.00-18.00
10 gennaio ore 16.00-18.00 / 13, 21 gennaio ore 13.30-15.30
4, 11, febbraio ore 13.30-15.30 / 21 febbraio ore 16.00-18.00
4, 11, 18, 25, marzo ore 13.30-15.30 / 28 marzo ore 16.00-18.00
1, 15, 22, 29 aprile ore 13.30-15.30 / 4 aprile ore 16.00-18.00
2 maggio ore 16.00-18.00 / 3-4 maggio prove e spettacolo finale

Il progetto di teatro itinerante riguarda il doposcuola della Primaria, tuttavia le attivitA� teatrali sono proposte anche all’asilo con il seguente calendario:

Calendario 2013-2014 per la materna di Roppolo

19,26 novembre ore 16.00-18.00
3,17 dicembre ore 16.00-18.00
14, 21, gennaio ore 16.00-18.00
4, 11, 18 febbraio ore 16.00-18.00
4, 11, 18, 24, 25 marzo ore 16.00-18.00
1, 14, 15, 22, 28, 29 aprile ore 16.00-18.00

www.teatroacanone.it
[email protected]
tel. 333.20.14.888