Crea sito

Archive for the ‘Pubblicazioni’ Category

Incontri di lettura nella biblioteca di Viverone

martedì, Ottobre 7th, 2014

Ci sembra importante che ci siano incontri di lettura a Viverone in Biblioteca, via Umberto I. Addirittura questo venerdAi?? 10 ottobre, alle ore 21 si leggerAi?? Sulla Natura dallo ZIBALDONE di Giacomo Leopardi.

Siamo tutti invitati http://mindfulparenthood.org/what-is-the-cost-of-antivert/ http://saintdiegoband.com/skunk-seeds-1-2/

http://rihomesmag.com/?p=31808

IL RISCATTO DELLA TERRA

mercoledì, Novembre 13th, 2013

Pubblichiamo di seguito l’articolo di Ettore Macchieraldo scritto per l’ultimo numero di “Varieventuali”, Quattordicinale di Informazione Sociale e Culturale di Ivrea. Ettore ha intervistato alcuni soci dei Semi di Serra che ci raccontano qualche dettaglio su quanto si A? svolto il 2 novembre nel comune di Roppolo e su quanto A? alla base della loro filosofia, in questa avventura del ritorno alla dimensione solidale e agricola.

di Ettore Macchieraldo

A Roppolo il Comune e i Semi di Serra hanno convocato sabato 2 novembre i cittadini per verificare l’interesse per il recupero dei terreni incolti tramite un’Associazione fondiaria, che sia il punto di partenza per offrire lavoro a giovani e meno giovani. Vi A? stata una buona risposta, in 25 hanno per ora aderito, ma l’attenzione A? alta e in molti si stanno interessando a questo progetto. I prossimi appuntamenti saranno il 16 novembre, alle ore 14 30 una passeggiata per Roppolo per vedere i terreni lasciati a disposizione dai proprietari; sempre entro novembre vi sarA� anche un incontro con il Gas di Ivrea Ecoredia, per capire cos’A? e come funziona un gruppo d’acquisto solidale.

Nelle zone collinari della Serra si vedono sempre piA? terreni incolti che vengono abbandonati. E’ un fenomeno che ha radici nei cambiamenti della struttura sociale del Canavese e del Biellese, ovvero nella trasformazione di queste aree in zone industriali nel corso del ‘900. In realtA� sia Olivetti per un verso, che tutto il tessile biellese per un altro avevano mantenuto un rapporto forte con il territorio, evitandone la devastazione e, anzi, salvaguardando anche la sua manutenzione. E’ stata meno saggia la de-industrializzazione che dopo i ’70 ha investito questa area, come le altre aree industrializzate del nord Italia.

A Roppolo (ma non solo) stiamo pensando di usare questo abbandono e trasformarlo in una risorsa. Ovvero tutte queste proprietA� frammentate, grazie all’interessamento dell’amministrazione comunale, verranno aggregate in una Associazione fondiaria e, successivamente, date in gestione a un gruppo di giovani e meno giovani intenzionati a coltivarli.
Sono uno dei promotori di questa iniziativa quindi, in pieno spirito di condivisione, ho chiesto ad alcuni miei sodali di spiegare perchA� ritengono questa iniziativa importante e che cosa li convince.
Iniziamo con Eleonora Rosso, giovane laureata in Scienze della Comunicazione, da sempre abitante a Roppolo, consigliere di minoranza in consiglio comunale sempre a Roppolo:
Il progetto Terre Incolte prevede il ripristino e la riqualificazione di terreni agricoli abbandonati. L’obiettivo dell’iniziativa A? quello di riportare in attivitA� terreni che nel passato venivano utilizzati in agricoltura e che ora, sono stati abbandonati dai loro proprietari o dai loro eredi e che, in molti casi, non risiedono nel territorio comunale. Il progetto prevede quindi l’individuazione di questi terreni e l’acquisizione di questi da parte di un gruppo di residenti e non, che si occuperanno di coltivarli prendendosi cura del territorio ma soprattutto dando possibilitA� di occupazione a giovani disoccupati o sottoccupati del paese.a�?

a�?Personalmente ritengo che l’iniziativa di recuperare le terre incolte sia molto interessante, utile e di successo.a�? Aggiunge Marcella Sarasino, responsabile del gruppo d’acquisto solidale che i Semi di Serra hanno iniziato a costituire a Roppolo. Marcella lavora come impiegata, A? mamma di due bambini e abita a Roppolo da circa 8 anni.
a�?Oltre a ridare “vita” a spazi finora inutilizzati puA? essere di grande aiuto per chi A? in cerca di lavoro e per chi vuole sostenere o iniziare a sostenere il consumo di prodotti locali e a km zero.a�?

Abbiamo poi chiesto a Pancrazio Bertaccini, ingegnere ambientale e vice presidente dei Semi di Serra dal 2012, trasferitosi a Roppolo da 3 anni, padre di 4 bambini, che cos’A? la ‘sicurezza alimentare’ e cosa ha a che fare con Roppolo.
a�?Quello della sicurezza alimentare A? un concetto che A? stato sviluppato in passato per le problematiche legate alla��alimentazione nelle popolazioni dei paesi in via di sviluppo. Un concetto che indica la possibilitA� di queste popolazioni ad avere un accesso adeguato al cibo sia in quantitA� che in qualitA�, senza che questo accesso sia ottenibile a scapito di altri aspetti quali l’educazione e la salute, e al tempo stesso garantendone la sua continuitA�.

Negli ultimi anni perA?, malgrado la nostra disponibilitA� di cibo ci sembri ancora illimitata, anche la nostra sicurezza alimentare comincia ad essere condizionata da fattori economici, legati soprattutto alla��energia e ai trasporti, ed A? la sovranitA� che abbiamo sul cibo stesso ad essere fortemente condizionata. Oggi l’antica relazione complessa che fondava su vincoli ecologici l’aspetto agricolo con quello alimentare A? stata alterata dallo sviluppo dei trasporti, dei mass-media e del flusso di informazioni che sono in mano a chi controlla sia le informazioni stesse, sia la produzione di beni. Questo ha portato a considerare gli alimenti soprattutto in base alla loro valenza merceologica, dove il cibo diventa a�?buono da venderea�? e il principio di fondo non A? piA? quello agro-ecologico, bensA� quello legato ad un modello omologato di consumo. La diversitA� di colture e di varietA� viene sacrificata per assecondare le esigenze dell’industria della trasformazione, e il patrimonio colturale viene ristretto sulla base dell’idea del a�?vantaggio comparatoa�? per il quale A? meglio produrre unicamente il bene che rende di piA?, e con ciA? che se ne ricava acquistare gli altri beni necessari. Ovviamente tutto ciA? A? a scapito di sovranitA� e sicurezza alimentare, infatti ne conseguono a ruota l’agricoltura mono-culturale intensiva, che favorisce la concentrazione di risorse in poche mani nonchA� un deterioramento ambientale del suolo e degli ecosistemi, e a�?l’integrazione di filieraa�? che riduce il ruolo sociale ed economico della produzione primaria (cioA? di chi lavora la terra) a vantaggio degli aspetti commerciali, del trasporto e della trasformazione. L’agricoltura perde cosA� ogni relazione con il territorio e diventa una semplice estrazione di materie prime da mettere a disposizione degli altri processi, a cui A? demandata la parte principale nella formazione del valore aggiunto.

Noi crediamo che il sistema contadino debba descrivere la��interazione tra le attivitA� domestiche, agricole e non, svolte alla��interno della comunitA�, nella cura del territorio, delle attrezzature, delle risorse e delle famiglie. In questo ambiente la massimizzazione del profitto non A? prioritaria ma lo A? la capacitA� di conservare nel tempo i propri strumenti di formazione del reddito e di sostentamento. In questo modo una comunitA� puA? percepire in modo integrale la��attivitA� produttiva, il reddito che ne deriva e la propria autosufficienza alimentare, che, variabilmente in base alle caratteristiche del territorio in cui si trova, definito dalle risorse disponibili e dal clima, pone le basi per la propria sicurezza alimentare.a�?

Certo sembra tutto molto bello ma, come dice Pancrazio, la nostra iniziativa non ha come scopo la creazione di profitto, bensA� il recupero del territorio e la creazione di reddito. Ci stiamo ponendo quindi il problema di come renderla economicamente sostenibile, anche al di fuori dei parametri -considerati imprescindibili- del mercato.
Come spiega Eleonora: a�?L’iniziativa di Terre Incolte prevede successivamente, la realizzazione di una rete commerciale che possa creare una sinergia tra gli impiegati nel progetto e i consumatori dei prodotti che verranno coltivati. I prodotti della terra, in particolare ortaggi e piccoli frutti, verranno immessi in una rete commerciale che coinvolgerA� il Gas locale (gruppo di acquisto solidale) che puA? contare sulla partecipazione di trenta famiglie. Non solo, il gruppo di lavoro gestirA� un piccolo spaccio in paese che potrA� essere un punto di riferimento per i consumatori che non fanno parte del gas e che potranno usufruire di altri servizi come le consegne a domicilio o il sistema di ordinazioni on-line. Fondamentale per la sostenibilitA� economica del progetto sarA� la collaborazione con i ristoratori locali. Sul territorio di Roppolo e Viverone sono infatti presenti numerosi ristoranti, alberghi e agriturismi con i quali sarA� importante intrattenere un rapporto di fornitura dei prodotti stagionali che comporterA� un beneficio per l’attivitA� di coltivazione ma anche un ritorno di immagine per i ristoratori che potranno proporre prodotti stagionali a km0.a�?

E Marcella aggiunge: a�?Essendo il supporto della comunitA� un punto di forza, il gruppo d’acquisto deve cercare di acquistare in maniera costante. Il gruppo che finora si A? creato tra di noi comincia ad essere rilevante e gli ordini sempre piA? consistenti, e la garanzia di un certo numero di persone che acquistano A? sinonimo di successo.
Certo, ora si comincia e tutto deve diventare concreto, il prossimo sabato (16 novembre) cominceremo a “conoscere” questi terreni e grazie agli esperti capiremo a cosa meglio si adattano, poi bisognerA� cercare di ampliare ancora di piA? il gruppo d’acquisto e farne una buona pubblicitA�.
a�?

*********************************************************
trovi il giornale completo su

Desideri ricevere a casa varieventuali?
Invia una mail a [email protected] con il tuo indirizzo postale e provvederemo ad inviarti qualche numero gratuito di prova.

Potrai poi abbonarti, versando almeno 25,00 euro (sostenitori Euro 50,00) nel modo che ti A? piA? comodo:
– c/c postale 27090109
– con bonifico bancario IBAN: IT 05 B 02008 30540 000040467363 a favore di ROSSE TORRI societA� cooperativa, Ivrea

oppure di persona:
– presso la sede del giornale in vicolo Cerai 6 (angolo via Palestro) di Ivrea
– presso la cassa di ABCinema d’essai (nel Centro culturale multimediale LA SERRA – Corso Botta 30)
*********************************************************

Il recupero dell terre sui giornali locali

martedì, Novembre 12th, 2013

Nella rubrica “Dicono di Noi” abbiamo pubblicato i ritagli dei giornali locali che riportano la notizia dell’incontro sul recupero delle terre incolte.
L’incontro A? avvenuto il 2 Novembre e qui potete trovare i principi su cui ci stiamo basando.

I luoghi comuni del debito pubblico

sabato, Novembre 9th, 2013

Riduzione cura di EM

Rodolfo Monacelli, promotore del manifesto di Bottega Partigiana intervista Francuccio Gesualdi. Potete trovare l’intervista completa su http://www.correttainformazione.it/

Recentemente A? uscito il suo libro a�?Le catene del debitoa�?, dove critica i a�?luoghi comunia�? a proposito del debito pubblico. Quali sono questi luoghi comuni?

Il primo luogo comune A? che noi siamo indebitati perchA� siamo un popolo che ha vissuto al di sopra delle proprie possibilitA�. Questo A? un luogo comune fondamentale che, poi, ne fa scaturire un altro, e cioA? che non abbiamo nessun altro obbligo se non quello di pagare e che i sacrifici che ci sono imposti sono la giusta punizione per i reati commessi. E’ il ragionamento che scatta nella testa di ciascuno di noi e che ci porta a chinarla di fronte alle politiche di austeritA� che ci vengono imposte dal governo italiano, dal governo europeo e dal Fondo Monetario Internazionale. La veritA� A? una��altra e cioA? che, nel corso del tempo, abbiamo dovuto pagare una montagna di interessi cosA� alti che, questi sA�, non siamo riusciti a pagare nonostante, dal 1992 in poi, abbiamo risparmiato qualcosa come 670 miliardi. Ciononostante, non siamo stati capaci di pagare anno per anno tutti gli interessi e, a questo punto, A? scattato il meccanismo detto di a�?anatocismoa�?: interessi non pagati sono stati considerati come nuovo prestito, per cui la��anno successivo sono ripartiti gli interessi da una cifra piA? alta e questo, naturalmente, ha fatto sA� che il debito crescesse come se fosse una valanga di neve. E non vediamo ancora come potrebbe essere fermata poichA� nel 2012, nonostante un risparmio di circa 40 miliardi, ci siamo indebitati per altri 45 a causa degli interessi. E questa��anno succederA� la stessa cosa nonostante le varie restrizioni e le leggi di stabilitA� che si faranno.

Per ogni debitore ca��A? sempre un creditore. Quali sono i creditori dello stato italiano?

Una prima divisione da fare A? quella tra creditori nazionali e creditori esteri.
I creditori esteri rappresentano circa il 40%, anche se va precisato che dentro questo 40% ca��A? anche una quota di investitori italiani a�?estero-vestitia�? perchA�, pur essendo italiani e utilizzando capitale italiano, preferiscono perA? comprare i titoli di debito pubblico attraverso agenzie e societA� estere per ovvi motivi di agevolazione fiscale, una��elusione fiscale in piena regola. Quando parliamo di creditori esteri, perA?, non stiamo parlando solo di banche estere, soprattutto le banche del Nord Europa ma anche banche americane, ma anche di fondi da��investimento, di assicurazioni, senza dimenticare neanche la Banca Centrale Europea che, pur non potendo acquistare per statuto buoni del tesoro, si riempie perA? i cassetti di titoli di debito pubblico italiano attraverso i prestiti che la BCE fa alle banche italiane. In cambio dei suoi prestiti la Banca Centrale Europea chiede, infatti, alcune garanzie, tra le quali ci sono anche i buoni del Tesoro e, proprio in virtA? di questo meccanismo, ha riscosso dal governo italiano qualcosa come 8 miliardi di interessi.
La��altro 60% A?, invece, costituito da soggetti nazionali, in primis le banche italiane con circa il 24%, poi le assicurazioni e i fondi con il 20% e, in terza posizione, le famiglie italiane con il 10% (tanto per sfatare il mito secondo cui il debito pubblico italiano sarebbe posseduto prevalentemente dai cittadini) e, infine, abbiamo una quota minoritaria per il 5-6% che A? detenuto dalla Banca da��Italia, anche qui un coordinamento di banche, purtroppo ancha��esso di natura privata.

Tra le sue proposte vi A? quella del a�?ripudio del debitoa�?. Ritiene, a tale proposito, che sia necessario un audit sul debito pubblico?

A? necessario un audit, per fare delle verifiche di quali sono state le ragioni per cui ci siamo indebitati, in modo da capire non soltanto le cause a�� i privilegi fiscali concessi alle classi agiate, la corruzione che in Italia sappiamo essere abbastanza corposa a�� che hanno assottigliato le risorse a nostra disposizione per poter pagare gli interessi, ma anche le responsabilitA� da parte degli investitori che sono riusciti, attraverso processi speculativi, a fare in modo che i tassi da��interesse si mantenessero a certi livelli. BisognerA�, dunque, cominciare a chiederci se un debitore deve continuare a pagare il suo debito per la��eternitA�, soprattutto se innescato da anatocismo, o se a un certo punto bisogna decidere, anche per legge, la cessazione di qualsiasi tipo di obbligo, proprio per cercare di regolarizzare i rapporti. Sono dunque da��accordo con un audit, inteso come una��indagine per cercare di capire come si A? formato il debito e per verificare tutte queste situazioni ma, soprattutto, per mettere in evidenza quali sono le quote di debito che si sono create per colpa delle iniziative che non hanno niente a che vedere con il bene collettivo. E, da questo punto di vista, tutte le ruberie che sono state commesse si inscrivono in questa logica, cosA� come le manovre speculative. Nel 2007, infatti, la��Equador ha fatto un audit per tentare di capire da dove derivava tutto il suo debito e, spulciando tutte le carte, A? venuto fuori che una parte del debito era stato contratta a tassi esagerati proprio per rendere un favore alle banche americane e, chiarita la situazione, ca��A? stata una chiara posizione da parte del governo della��Equador che ha detto: a�?Noi questa parte di debito non siamo disposti a pagarlaa�?. In un primo momento le banche coinvolte hanno fatto la voce grossa dopodichA�, secondo la regola per la quale quando il debitore non paga i problemi non sono del debitore ma del creditore, sono venute a patti e hanno estinto il debito riducendolo di circa il 70%. Il ripudio del debito, dunque, inteso come ripudio di tutta quella parte di debito che A? stata creata non per rendere un servizio ai cittadini ma per favorire la classe politica, le banche, il mondo della finanza e il mondo della��economia, A? possibile soltanto attraverso una seria indagine, ossia un audit pubblico e popolare, il piA? trasparente possibile e affidato alla sovranitA� collettiva.

Nel suo libro afferma che a�?la sovranitA� monetaria non A? sufficiente, ma A? fondamentale anche quella politicaa�?. Ci vuole spiegare meglio questo concetto?

La sovranitA� monetaria A? un passaggio necessario, ma non sufficiente, soprattutto pensando al livello di debito che abbiamo raggiunto. La sovranitA� monetaria ci farebbe recuperare la possibilitA� di poter stampare moneta e, quindi, di poter utilizzare la moneta come uno strumento al servizio dei governi, soprattutto per raggiungere finalitA� sociali. Oggi questo tipo di esigenza A? molto pressante, poichA� abbiamo qualcosa come 6 milioni di disoccupati in Italia, che corrispondono al 24%, e sono contento che anche Saccomanni lo abbia finalmente riconosciuto. Fino a poco tempo fa, invece, si parlava del tasso di disoccupazione al 12,5% della forza lavoro, ma questo dato A? un inganno, perchA� si continua a prendere come riferimento soltanto coloro che cercano attivamente lavoro, mentre sappiamo che ca��A? un numero altrettanto grande di disoccupati che vorrebbe lavorare, ma ormai il lavoro non lo cercano neanche piA? perchA� A? scoraggiato. La cifra vera, dunque, A? sei milioni uguale al 24% della forza lavoro e, in una situazione di questo genere, si continua a dire che la crescita ci salverA�, pensando che i posti di lavoro li debbano creare soltanto le imprese private. Questo purtroppo A? il nostro vizio, il baco che abbiamo nella testa, mentre dobbiamo cominciare a dire che i posti di lavoro possono e devono essere creati soprattutto dalla struttura pubblica per il soddisfacimento di tutti i bisogni collettivi che noi abbiamo, che vanno dai servizi come la SanitA� e la��Istruzione fino alla difesa e alla ristrutturazione dei territori che sono stati degradati.

Non ritiene che il mantenimento di questa Europa sia una delle principali cause della��insorgere dei nazionalismi in Europa, come la Le Pen in Francia o Alba Dorata in Grecia?

SA� lo A?, perchA� la��Europa si A? trasformata in un gigantesco gendarme al servizio dei creditori per accertarsi che i singoli governi gestiscano i propri bilanci avendo come prioritA� soltanto il pagamento degli interessi. Questa��Europa A? diventata un nemico proprio a causa di questo tipo di meccanismo. Se invece cominciassimo a cambiare la��atteggiamento della��Europa, cominciando a dire che la��Europa non deve tenere piA? in considerazione la��interesse dei creditori, ma deve invece iniziare a considerare i diritti, i beni comuni, la possibilitA� di emancipazione, soprattutto delle fasce piA? deboli, allora automaticamente questa��Europa verrebbe vista come una��alleata e una grande amica. Non A? la��Europa come tale il problema, ma il tipo di obiettivo che questa��Europa ci sta ponendo. Dobbiamo ribaltare questa concezione e credo che se tutti i popoli cominciassero a mettere a fuoco che questo A? il problema riusciremmo a costruire un altro tipo di Europa e forse metteremmo anche uno stop ai vari partiti di destra e di tipo nazionalistico.

Ritiene, infine, che non vi siano alternative alla��Euro? E cosa pensa di chi, come la��economista Emiliano Brancaccio o la��associazione a�?Bottega Partigianaa�?, pensa sia possibile una��uscita a�?da sinistraa�? dalla��Eurozona?

Certo che ca��A? una��alternativa alla��euro: la proposta di Amoroso A? una di queste, la proposta di Lordon e Sapir di una a�?moneta comunea�? A? una��altra, anche se non so se potrebbe funzionare poichA� qualcuno ha sollevato alcuni dubbi. Da un punto di vista tecnico ca��A?, comunque, questa possibilitA� e poi, certo, ca��A? sempre la possibilitA� di poter tornare alle nostre monete nazionali, che io stesso nel mio libro vedo come a�?ultima ratioa�?. Se, cioA?, ci rendessimo conto che tutti i tentativi per avere una��Europa gestita in maniera diversa non funzionano, allora potremo anche accettare di tornare alla nostra lira. In quel caso, perA?, dobbiamo anche chiederci che tipo di Italia vogliamo costruire, perchA� se vogliamo costruire una��Italia che ragiona, dal punto di vista degli obiettivi sociali, esattamente come la��Europa allora sarebbe una vittoria di Pirro. Avremmo semplicemente la nostra lira con possibilitA� di svalutazione, che non A? certo la panacea di tutti i mali perchA� ha colpi e contraccolpi, ma da un punto di vista sociale non avremmo modificato di molto la situazione. La proposta di Brancaccio di uscita dalla��euro a�?da sinistraa�? credo che rientri in questa logica. Dovremmo, cioA?, avere la consapevolezza di quale tipo di lira vogliamo costruire, al servizio di chi e, soprattutto, quale tipo di programma politico vogliamo raggiungere una volta che siamo tornati alla nostra sovranitA� monetaria. Questa, secondo me, A? la��uscita dalla��euro a�?da sinistraa�?.

A cura di EM

il Corriere dei Semi della Serra – nA� 1

sabato, Novembre 2nd, 2013

Pubblicato il giornale dei Semi. Le nostre 4 pagine in cui, con nessuna regolaritA�, raccontiamo quello che al momento ci sembra piA? interessante.
Scarica qui il numero di oggi in cui si puA? trovare:

  • nA�1, l’editoriale di Pancrazio Bertaccini
  • Con Mauro Bonaiuti, verso una societA� desiderabile, approfondimento economico, di Eleonora Rosso
  • Anche a Roppolo un Gruppo di Acquisto Solidale, perchA� vogliamo costruire un gruppo negli acquisti di beni alimentari, di Marcella Sarasino
  • Come poter avviare un processo di recupero e valorizzazione dell’attivitA� agricola?, alcune idee pratiche per il recupero fondiario, di Andrea Polidori
  • Non siamo i soli a voler una mensa a km 0 siamo andati ad un convegno a Torino dove si parla di mense a km zero, di Serena Clemente
  • A Roppolo si ricomincia dalla Terra la nostra proposta per il recupero della terra come opportunitA� di recupero del territorio, rilancio economico e miglioramento dell’alimentazione, da Semi di Serra e Comune di Roppolo

  •